lunedì 7 luglio 2014

"La meccanica del cuore" di Mathias Malzieu: leggilo e poi innamorati! (recensione)

“UNO, NON TOCCARE LE LANCETTE
DUE, DOMINA LA RABBIA
TRE, NON INNAMORARTI MAI E POI MAI”


Ma io mi sono innamorato...
...mi sono innamorato di una storia che è una fiaba di carta e poesia e che ti farà vibrare lo stomaco... chiunque tu sia, qualunque età tu abbia.
Mi sono innamorato del cuore meccanico di Jack che scandisce il tempo al magico ritmo delle sue emozioni.

Jack nasce ma viene abbandonato dalla madre naturale il 16 Aprile 1874 a Edimburgo nella notte più fredda del mondo, fa così freddo che il suo piccolo cuore si ferma...
...ma esistono donne sorprendenti, donne che troppo spesso vengono considerate delle streghe da chi non ha dimestichezza con la fantasia... donne come Madeleine, la levatrice che lo salverà applicando al suo fragile cuore un orologio a cucù  e che lo crescerà con il più materno degli amori.


Ma come può un orologio meccanico sostenere la potenza dei sentimenti?
TRE, NON INNAMORARTI MAI E POI MAI

Scrive questo Madeleine sul muro sopra il letto e nell'anima di Jack... perché l’amore è il più devastante dei sentimenti, rende invincibili ma anche il più debole degli esseri viventi, conduce sulla luna a cavallo di un missile rosa ma può sconquassare un cuore fino a ridurlo in polvere... e se può farlo con un perfetto cuore umano figuriamoci  che danni irreparabili causerebbe a un cuore di ferro e legno!

Ma come si può vivere senza innamorarsi se Miss Acacia è la visione più bella che gli Dei abbiano mai creato? ...e soprattutto se “Rischio la morte? Forse, ma adesso rischio la vita se non la rivedo”?

 Questa è la storia di un viaggio verso il proprio sogno dagli occhi immensi e dalla voce di un usignolo. 
Un viaggio emozionante attraverso l’Inghilterra e la Francia, e poi via in monopattino verso Granada, accompagnato da uno dei  più grandi sognatori che l’umanità abbia mai avuto fra i suoi figli, Georges Méliès.


Questa è la storia d’amore di Jack e di Miss Acacia che andranno sulla luna a cavallo di un missile rosa ma dalla quale torneranno all’interno di un treno fantasma con il cuore sconquassato dalla potenza del loro amore stesso.

Questa è una storia che ha fatto innamorare Luc Besson, che ricorda il sapore di Tim Burton e i colori di Hugo Cabret, disseminata di personaggi che odorano di incantesimo e che accarezzeranno la tua immaginazione.
  


 Questa è la favola senza tempo di Jack che non ha avuto paura di amare.

 Ecco un vero capolavoro, uno di quei libri che vorresti non finissero mai...

Leggilo!
Leggi “La meccanica del cuore” di Mathias Malzieu,
sogna
e innamorati sempre e poi sempre!

K

PS Mathias Malzieu è un visionario... la sua narrazione è poetica, appassionante e mai scontata...

...e il mondo ha bisogno di visionari come una pianta ha bisogno d'acqua!

Mathias Malzieu


La mia preziosa copia


6 commenti:

  1. Non abbiamo propriamente gli stessi gusti letterari, tuttavia ciò non è un deterrente, anzi.
    Fra tutti i libri che hai suggerito, descrivendoli attraverso le emozioni che hai provato tra le righe, quest'ultimo m'ha particolarmente colpita e "affondata". Altisonante e bellissima l'affermazione: "... e il mondo ha bisogno di visionari come una pianta ha bisogno d'acqua".
    Bene, lo leggerò. Grazie.

    Marina

    RispondiElimina
  2. Attendo un tuo commento allora! :-D

    RispondiElimina
  3. Questo libro è una pietra preziosa, bellissima e tagliente.
    Grazie a te per averlo recensito e alla tua sorellina per avermelo regalato!
    Lau

    RispondiElimina
  4. Stai pure comodo allora, ché la sintesi non è il mio forte, ahimè, :-D !

    Eh, ci provo da umile lettrice.
    Facciamo un gioco ? Il gioco del: "Se fosse". Così, sulla scia della mia fantasia 'visionaria'.

    - Se fosse un movimento culturale sarebbe ... "Surrealismo puro".
    - Se fosse un dipinto sarebbe ... "La Persistenza della Memoria" (S.D.).
    - Se fosse una teoria sarebbe ... "la Teoria della Relatività- Spazio Tempo".
    - Se fosse una figura retorica sarebbe ... "un patchwork finemente lavorato in metafore, intrecciato da similitudini, rifinito da qualche ipèrbole e con un tocco d'ironia infocata.

    Seppure una leggera inquietudine, nel finale del libro, ha tagliato l'onda lunga delle mie emozioni, l'autore m'ha regalato un'immagine figurata colorita, viva, a sprazzi roboante, celando sotto le parole verità e pensieri profondi.


    (Grazie).

    Marina

    (Pag. 121 - Estratto dal libro: "Se mi sferruzzassero il cuore con attizzatoi di ghiaccio, sarei più rilassato"). Che dire ?

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. questo racconto è un sogno risvegliato

    RispondiElimina

...E TU... COSA NE PENSI?

..LA TUA OPINIONE E' IMPORTANTE!

Si prega di firmare i commenti (anche solo con il nome) e di rispettare le idee altrui! Gli insulti verranno bannati.